mercoledì 13 marzo 2013

casca la terra, tutti giù per terra!

Non voglio essere medicalizzata.
Una gravidanza non può esserlo, parlo per me.
Passino tutti i controlli del mondo, passi che la causa del decesso è imputabile ad un'ipotesi, per quanto credibile.
Passi che io debba subire tutto quello che c'è da subire x escludere ogni cosa, ma poi non mi si può chiedere di stare a vedere se tutto torna come prima cosa succede, non mi si può chiedere di aspettare, ho provato cosa vuol dire per 6 mesi e non voglio nè viverla in una maniera diversa da come l'ho vissuta, nè attendere di ripristinare il mio vecchio corpo cn i suoi vecchi difetti.
La gravidaza non è una malattia, non voglio passarla in questo modo nè ritornare ai vecchi ritmi per poi decidere cosa fare della mia vita.
Voglio avere il diritto di non prendere decisioni, di essere fatalista e avere una spiegazione certa per evitare di rifare questo percorso.
Vorrei che non fossi mai stato nella mia pancia.
E lo penso per davvero.